Stati dolorosi - Descrizione e trattamento

Ha dolori? Sono testardi, a lungo termine e Lei limitano nella sua routine quotidiana? Le condizioni dolorose sono la ragione più comune che porta il paziente dal medico. Sicuramente non sottovalutateli, non soffrite inutilmente e cercate la loro soluzione!

Avviso:

Non utilizzare questo o qualsiasi articolo altro su Internet per fare una diagnosi. Solo un medico può sempre fare una diagnosi corretta. Non ritardare una visita dal medico e affrontare la sua salute in tempo.

Vuole affrontare dolore, gonfiore e infiammazione?
Ora la possibilità di un'applicazione gratuita della magnetoterapia 3D Biomag.
Provare gratuitamente >>
Stati dolorosi - descrizione diagnosi e cura
Immagine : Stati dolorosi

Descrizione di stati dolorosi e le cause di formazione

Questi sono disagi soggettivi associati a danni reali oppure potenziali al tessuto vivente del corpo. È una questione molto individuale che ognuno percepisce in modo diverso.

Il dolore acuto è protettivo, poiché segnala un disturbo nel corpo e previene ulteriori danni. Si verifica immediatamente dopo uno stimolo, come un incidente. Può essere acuto oppure caldo e di solito dura per un breve periodo.

Quello che dura da mesi a diversi anni può essere considerato cronico. Porta a frustrazione, depressione e sentimenti di disperazione.

La sua forma comune è il dolore neuropatico. È presente in molte malattie come il diabete, il cancro o la sclerosi multipla. Può essere percepito come molto doloroso, anche se lo stimolo che lo ha causato non è doloroso (allodinia). Oppure può essere una maggiore percezione del dolore (iperalgesia).

Il dolore alla schiena, alle articolazioni, ai muscoli, alla testa oppure ai nervi, come diabete, polineuropatia, fuoco di Sant’Antonio, borreliosi, possono essere cronici. Può anche essere dolore post-operatorio, dolore fantasma e molti altri.

Il dolore limita significativamente il paziente in tutte le attività della vita e la sua soppressione è essenziale per migliorare la qualità della vita e l’ulteriore trattamento.

Trattamento del dolore – liberarsi del problema

Il trattamento è completo. Se la causa è nota, la linea d’azione ideale è eliminarla. In altri casi, si tratta di alleviare il dolore.

I farmaci antinfiammatori non steroidei (inibitori della ciclossigenasi, farmaci antinfiammatori non specifici) sono usati farmacologicamente, che sopprimono il dolore e prevengono lo sviluppo dell’infiammazione, così come gli oppioidi, che hanno un forte effetto analgesico. Tuttavia, questi possono creare dipendenza! Come coadiuvanti possono essere usati antidepressivi o ansiolitici.


Alcuni casi richiedono un intervento chirurgico. Il trattamento può essere integrato con psicoterapia o terapia fisica riabilitativa ed elettroterapia.

  • Antireumatico non steroideo – farmaco non steroideo agisce contro il dolore, l’infiammazione e la febbre.
  • Oppioidi – sostanze con un forte effetto antidolorifico.
  • Antidepressivi – un gruppo di medicinali usati per trattare la depressione.
  • Ansiolitici – medicinali per alleviare ansia, sospensione e tensione mentale, paura, paura del pubblico.

La magnetoterapia pulsata a bassa frequenza ha un ruolo importante nella cura riabilitativa di alcune manifestazioni di stati dolorosi, perché utilizza gli effetti antidolorifici, antigonfiore e curativi con il supporto di effetti antinfiammatori a beneficio del paziente. Riduce i sintomi infiammatori, il dolore, accelera la guarigione dei tessuti danneggiati ed aiuta a portare un sollievo generale e, se possibile, a migliorare la mobilità.

Il vantaggio è la possibilità di applicazioni domiciliari individuali che consentono al paziente di continuare a casa il trattamento riabilitativo intensivo al di fuori della struttura sanitaria.

Il vantaggio è la possibilità di un uso precoce del trattamento all’inizio di un nuovo attacco di dolore.

Non applichiamo la magnetoterapia per il dolore di origine sconosciuta.