Ulcera varicosa - Descrizione e trattamento

Ha un’insufficienza venosa? Prestare attenzione alle piccole fruste venose sulle gambe, possono trasformarsi in ulcere varicose arcuate e possono verificarsi cambiamenti di pigmento. Anche una lesione cutanea difficile da osservare può quindi portare allo sviluppo di un’ulcera varicosa. La ferita risultante spesso funge da porta d’ingresso per le infezioni. Questo può complicare notevolmente la sua salute.

Avviso:

Non utilizzare questo o qualsiasi articolo altro su Internet per fare una diagnosi. Solo un medico può sempre fare una diagnosi corretta. Non ritardare una visita dal medico e affrontare la sua salute in tempo.

Vuole affrontare dolore, gonfiore e infiammazione?
Ora la possibilità di un'applicazione gratuita della magnetoterapia 3D Biomag.
Provare gratuitamente >>
Ulcere varicose - descrizione diagnosi e cura
Immagine : Ulcera varicosa

Descrizione dell’ulcera varicosa e le cause di formazione

Un’ulcera varicose è una condizione grave che richiede una risoluzione immediata. Questa è un’interruzione cronica della copertura cutanea della parte inferiore della gamba, cioè l’area dell’arto inferiore dal ginocchio alla caviglia.

È una complicanza comune dell’insufficienza venosa cronica, in cui il meccanismo di ritorno del sangue venoso è interrotto. Ciò porta ad un grave deterioramento della circolazione sanguigna ossigenata nell’arto ed alla mancanza di ossigeno e nutrienti necessari per la funzione dei tessuti.

È anche a rischio di sviluppare un’ulcera varicosa?

Le cause possono essere trovate anche tra i fattori dello stile di vita. Una persona che svolge un lavoro sedentario con mancanza di esercizio fisico, obesità, un fumatore oppure un utente di contraccezione ormonale è a rischio.
Può essere a rischio a causa del suo peso?
Calcola il suo indice BMI. Può facilmente calcolare l’indice sostituendo i suoi valori nella formula: peso in chilogrammi / (altezza in metri x altezza in metri). Se il suo valore finale è maggiore di 30, inizia la riduzione.

Trattamento dell’ulcera varicosa – liberarsi del dolore

Il trattamento dell’ulcera varicosa si basa sull’affrontare le cause dell’ulcera varicosa, migliorando principalmente la qualità della circolazione sanguigna non solo la pelle ma l’intera profondità del tessuto dell’arto, eliminando l’infezione e favorendo la guarigione dei tessuti.

Il trattamento può essere:

  • con farmaci (per influenzare la qualità della parete vasale e vasodilatatori, terapia antipiastrinica),
  • chirurgico (operazioni classiche o procedure mini invasive).

Cosa aiuta sulle ulcere varicose?

I metodi di guarigione delle ferite vengono utilizzati localmente per i difetti, come la cosiddetta guarigione delle ferite a umido oppure i metodi di terapia fisica.

Per quanto possibile, una regolare attività fisica è importante al fine di migliorare la microcircolazione, l’apporto di sangue ossigenato e nutrienti al tessuto sottocutaneo, ai muscoli che lavorano e ad altri tessuti.

  • Varici degli arti inferiori – vene varicose.
  • Ipertensione – aumento della pressione sanguigna.
  • Ritorno venoso – ritorno del sangue dai capillari attraverso le vene al cuore, rispettivamente il volume del sangue che scorre attraverso le vene nel cuore per unità di tempo.

La magnetoterapia pulsata a bassa frequenza ha un ruolo importante nella cura riabilitativa di alcune manifestazioni di ulcera varicosa, perché utilizza gli effetti antidolorifici, antigonfiore e curativi con il supporto di effetti antinfiammatori a beneficio del paziente.

Non intacca il lume delle arterie medie e grandi, ma migliora notevolmente la microcircolazione del sangue ossigenato negli arti esposti grazie all’effetto vasodilatatore su capillari e precapillari. Rivitalizza l’arto in profondità, allevia i sintomi infiammatori, il dolore, accelera la guarigione dei tessuti danneggiati e porta sollievo generale.

Il vantaggio è la possibilità di applicazioni domiciliari individuali che consentono al paziente di continuare a casa il trattamento riabilitativo intensivo al di fuori della struttura sanitaria.

Anche la possibilità di un trattamento di prevenzione e mantenimento secondario è vantaggiosa: uso precoce del trattamento nei primi esordi dei sintomi della malattia e applicazione quotidiana permanente al fine di alleviare e mantenere uno stato di salute tollerabile a lungo termine per il paziente.