Il trattamento del dolore è estremamente problematico sia fisicamente che economicamente. Le possibilità di guarigione dal dolore divergono. Esse dipendono sia dall’origine o dalla posizione in cui il dolore si manifesta e sia se si tratti di dolore acuto o cronico. I meccanismi del dolore sono complessi e devono tener conto sia degli aspetti del sistema nervoso centrale sia di quelli del sistema nervoso periferico.

La magnetoterapia pulsata a bassa frequenza influenza la percezione del dolore in modi differenti, sia diretti che indiretti.

Gli efffetti diretti della magnetoterapia sono rintracciabili a livello di neuroni, di movimento degli ioni di calcio, di potenziale di membrana, di livello di endorfine, di livello di ossido nitrico, di dopamina e di rigenerazione del tessuto nervoso.

L’influenza indiretta della magnetoterapia pulsata si manifesta sulle funzioni fisiologiche della circolazione, sul gonfiore, sul muscolo, sull’ossigenazione dei tessuti, sulle infiammazioni, sulla guarigione, sulla prostaglandine, sul metabolismo cellulare e sull’energia cellulare.

Uno degli effetti principali della magnetoterapia pulsata é quello di influenzare il dolore neurologico di elaborazione del segnale.

Legga i risultati dei seguenti studi clinici che dimostrano come l’utilizzo della magnetoterapia garantisca sollievo dagli stati di dolore.

Di più studi clinici secondo i diagnosi:

Diagnosi correlata: Stati dolorosi